Ti prego torna a casa

Ti prego torna a casa

Conto gli aeroplani che passano mentre ti aspetto, e quante macchine si mettono in moto, e quanti motorini sfrecciano. Un cancello si chiude, uno si apre. La mia faccia è sotto il berretto di lana grigio, questo non è esattamente silenzio ma a me sembra di sì. È tutto così in movimento, è tutto così calmo. Ho scritto qualche poesia, anche se non ne volevo più sapere. Il tempo è una lumaca bavosa quando non ci sei tu, una lumaca carina che lascia una scia morbida, una traccia. Non so che farmene di questa lumaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Customized Social Media Icons from Acurax Digital Marketing Agency